mercoledì, Settembre 22, 2021
Home BLOG News Startup: la liquidità ai tempi del Covid_19

Startup: la liquidità ai tempi del Covid_19

Il Fondo di Garanzia per le #PMI è uno strumento istituito dal # Ministero dello Sviluppo Economico con la #legge n. 662/96.

Nasce con lo scopo di agevolare l’accesso alle risorse finanziarie da parte di quelle PMI che non abbiano garanzie reali o personali proprie, ovvero attraverso la concessione di una garanzia pubblica.

Il Fondo non interviene direttamente nel rapporto tra Banca ed Impresa, il rilascio della garanzia opera gratuitamente ma per poter attivare le garanzie statali, le aziende devono rivolgersi al proprio Istituto finanziario di riferimento.

Nel caso del Decreto Liquidità, relativamente alle imprese fino a 500 #dipendenti, è possibile distinguere due linee di finanziabilità:

  • la prima è fino a 25 mila euro, con la quale è possibile richiedere appunto fino ad un massimo di 25 mila euro con copertura del Fondo al 100%, rimborsabili in 6 anni di cui 2 di preammortamento;
  • la seconda è oltre i 25 mila euro, attraverso la quale si può ottenere un prestito fino al 25% del fatturato 2019 con il 90% di copertura del Fondo di Garanzia.

Cosa succede nel caso in cui l’impresa richiedente sia una startup?

Il Fondo Centrale di #Garanzia ha opportunamente adeguato le procedure per questo caso concedendo le seguenti semplificazioni.

Le #imprese costituite da non più di tre anni accedono alla garanzia del Fondo:
– senza valutazione del merito di #credito
– non devono più coprire con mezzi propri il 25% del #prestito
– non devono inviare #business plan e #bilancio previsionale. 
.
Le nuove #regole valgono per le domande presentate dall’8 #Aprile.

Quindi, le #startup che hanno presentato #domanda di #finanziamento a una #banca chiedendo la copertura del #Fondo, la otterranno con le regole semplificate in base al Dl Liquidità.

Must Read